Mind flayers, cavalca-draghi e demoni ci danno il “bentornato” nei Forgotten Realms

Una storia che affonda le proprie radici nel 1998, intrisa di magia, forgiata nel fuoco e nell’acciaio; un’avventura vissuta nei panni di eroi destinati a diventare iconici, un nome: Baldur’s Gate. Dopo 12 anni dall’uscita del primo capitolo della saga ambientata nei Reami Perduti, arriva il terzo episodio di una serie che ha fatto sognare migliaia di adolescenti e di appassionati di videogiochi e gioco di ruolo.

Baldur’s Gate 3 si è catapultato sul mercato lo scorso 6 ottobre con un impatto decisamente prorompente. Sebbene in versione Early Access, il nuovo titolo targato Larian Studios ha letteralmente “rotto Steam”. Lo stesso Swen Vincke, presidente della compagnia belga, ha ammesso che le vendite hanno raggiunto, già nei primissimi giorni, numeri da capogiro.

HO QUALCOSA NELLA TESTA!

L’avventura inizia nel peggiore dei modi: siamo prigionieri a bordo di un nautiloide, una sorta di imbarcazione volante dei Mind Flayers che sta attaccando la città di Baldur’s Gate con i suoi tentacoli. Dettaglio importante, ci è appena stato inserito una sorta di piccolo parassita, una larva disgustosa, all’interno del nostro bulbo oculare.

All’improvviso vicino alla nave si apre quello che sembra essere a tutti gli effetti un portale dimensionale dal quale sfrecciano fuori tre draghi rossi cavalcati da guerrieri Githyanki, che si lanciano all’inseguimento del nautiloide. I “cavalca-draghi” ingaggiano una battaglia senza quartiere con i loro nemici giurati, gli Illithid (noti come Mind Flayers). Tra ruggiti, fiamme e morsi delle bestie la situazione sembra stia per “precipitare”, in tutti i sensi. Tuttavia, il capitano della nave non si arrende e cerca di sfuggire ai suoi inseguitori saltando da un piano all’altro. Nel suo disperato tentativo di fuga il nautiloide si ritrova in un luogo infestato da Demoni e Diavoli. Questi esseri iniziamo letteralmente a “sciamare” verso la nave e si uniscono alla battaglia. Durante le esplosioni riusciamo miracolosamente a liberarci e proprio in questo momento inizia una sorta di tutorial introduttivo.

LA SITUAZIONE PRECIPITA

Mentre cerchiamo di sopravvivere in mezzo a draghi, thrall, Mind Flayers e demoni la situazione precipita, questa volta letteralmente. Il nautiloide si schianta al suolo e ci ritroviamo “miracolosamente” vivi su una spiaggia, nel bel mezzo del nulla e con un piccolo, ma grosso, problema nella testa. Proprio in quel momento inizia la nostra avventura.

UN EARLY ACCESS DA PROVARE

In attesa di una recensione vera e propria, possiamo dirvi che in base alle nostre primissime impressioni, il gioco si presenta già molto bene anche in questa versione ad Accesso Anticipato. Dopo qualche ora di gameplay abbiamo apprezzato il lavoro di Larian Studios e non vediamo l’ora di conoscere e sperimentare nuovi contenuti che arriveranno con le patch da qui fino alla Full Release del gioco. Baldur’s Gate 3, nonostante il suo prezzo decisamente non in linea con quelli delle versioni EA, è un gioco già maturo e godibile e potete acquistarlo direttamente dalla piattaforma Steam.